Ritorniamo a parlare di libri, e  lo facciamo con  uno dei  libri sulla finanza più interessnti da leggere, Euforia Irrazionale.

 

Questo è un testo fondamentale per capire i comportamenti irrazionali delle masse sui mercati finanziari. Pubblicato a marzo 2000, all’apice della bolla dotcom, il testo riuscì addirittura a prevedere il crash di borsa che sarebbe avvenuto di lì a poco.

L’autore, Robert Shiller, Premio Nobel per l’economia nel 2013, è stato uno dei primi economisti ad adottare un approccio scientifico eclettico e multidisciplinare allo studio dei mercati finanziari e dell’economia.

Shiller per primo aveva capito che solo interpellando economia, psicologia, demografia, sociologia, storia si poteva dare un vero contributo alla comprensione delle oscillazioni dei mercati finanziari.

 

È una lettura consigliata a chi intende comprendere meglio perché il mercato si muova spesso in maniera indipendente rispetto ai valori fondamentali delle aziende che lo comprendono. I motivi sono derivanti dalla nostra natura umana e dalla nostra difficoltà nel separare emozioni e razionalità sui mercati.

Il testo è tra i migliori di finanza comportamentale che siano mai stati scritti e mette in discussione tesi validate da decenni sulla presunta razionalità degli agenti economici e dei mercati stessi. Insomma, la cosiddetta teoria dei mercati efficienti in questo caso viene severamente criticata.

Nel suo libro Robert Shiller sostiene che il mercato azionario ha formato una bolla speculativa destinata a scoppiare, cosa che effettivamente accadde poco dopo la pubblicazione del saggio, con un memorabile crash di Borsa.

La cosa più interessante, però, è il modo con cui Shiller argomenta la sua tesi di sopravvalutazione del mercato azionario: prevalentemente con grafici e modelli c semplici, ma non banali.

E Sempre con fondamenta solidamente piantate nel buon senso economico-finanziario  e nella finanza comportamentale.

Il libro offre, tra l’altro, una prospettiva storica di lungo termine sui mercati finanziari ed è ricchissimo di dati interessanti per chi vuol essere un “risparmiatore senziente”.

Credo si tratti di un testo fondamentale per capire i comportamenti irrazionali delle masse sui mercati finanziari, in particolare di fronte a situazioni estreme, come le bolle speculative.

 

L’Autore riprende nel libro una sua precedente analisi che mostra come la volatilità del mercato azionario non trovi riscontro nell’andamento degli utili successivamente realizzati. Secondo la Efficient Market Theory, il prezzo di un’azione riflette in modo ottimale le aspettative sugli utili futuri. Shiller mostra che in realtà l’andamento dei dividendi è molto più regolare di quello dei prezzi azionari, la cui volatilità non può essere spiegata senza tener conto di altri fattori, specificamente quelli psicologici.
·       Queste importanti analisi quantitative sono contenute in un libro la cui parte più corposa è però rappresentata dalla teoria sulla formazione delle bolle speculative. L’idea fondamentale del libro infatti è che i cambiamenti di mercato, più che dai fondamentali azionari (i profitti generati dalle aziende le cui azioni sono quotate in borsa) sono principalmente determinati da quello che pensa la gente, dalle “storie” che ognuno di noi si racconta nel momento in cui deve prendere una decisione.
·       Trend di medio – lungo termine (politici, economici o culturali) che giocano a favore dell’investimento azionario possono restare a lungo inosservati, ma quando ad essi si aggiungono fasi favorevoli di borsa, ecco che si può innescare un meccanismo di feed-back, che amplifica i rialzi azionari e li rafforza, fino a portarli a livelli non più collegati con i fondamentali economici, ma in linea con ciò che a quel punto è diventato credenza comune ed è sulla bocca di tutti, spesso riassumibile nel concetto di “nuova era” che porta con sé la speranza di grandi e veloci guadagni e (fenomeno tipicamente rivelatore di una situazione di bolla speculativa) il timore di restarne fuori

Fattori Precipitanti + Feed-Back = Bolla Speculativa; è questo un concetto cardine del libro, diversi capitoli del quale delineano una vera teoria delle bolle speculative, con la descrizione dei fattori precipitanti per la bolla del Nuovo Millennio (l’Autore ne individua 12 principali, dal baby boom, allo sviluppo dei fondi comuni, al maggior valore assegnato al successo negli affari) e la descrizione dettagliata del ruolo giocato dai media e dalla teoria della Nuova Era
Con Euforia Irrazionale Shiller fu quindi uno dei pochi ad anticipare non una, ma due bolle speculative, dando prova del valore dalla Behavioral Economics, in grado di formulare corrette previsioni di fenomeni economici analizzando in modo coerente fattori economico-finanziari, sociali, politici e culturali; ed evidenziando che i valori del mercato azionario sono oggetto di una variabilità che va ben oltre quanto spiegabile in base alla teoria del Mercato Efficiente.

È una lettura consigliata a chi intende comprendere meglio il funzionamento dei mercati e dell’economia (il cui impatto sulla vita di tutti i giorni è sempre più elevato) grazie a un approccio olistico e a una visione disincantata e critica. Inoltre, cosa non poco importante, è anche piacevole alla lettura.