Quanto costa mantere un figlio all’università?

Quanto costa un figlio che fa l’università?
Sono oltre 600.000 i ragazzi italiani che ogni anno lasciano la propria città per andare all’università. Si parla degli studenti fuori sede che durante i mesi di corso popolano e animano le città universitarie. Studiare lontano da casa è un’esperienza estremamente formativa, non solo sotto l’aspetto conoscitivo. Per molti si tratta della prima volta lontano dal nido familiare, un momento in cui si apprendono i primi insegnamenti della “vita da grandi”.
Visto il tempo da dedicare agli studi e le condizioni economico-finanziarie non proprio rosee, è molto difficile per uno studente essere in grado di mantenersi autonomamente durante un ciclo di studi in una nuova città. Esiste certamente la possibilità di trovare un lavoro part-time per contribuire alle spese, ma nella maggior parte dei casi questi ricavi non sono sufficienti a sostenere tutte le spese relative all’affitto, all’acquisto dei libri, alle tasse universitarie e alle altre incombenze necessarie per il sostentamento.
Per i genitori è dunque importante prevedere questo tipo di spesa e comprendere sin da subito quale sarà il costo che andranno ad affrontare, in modo da poter accantonare in anticipo la somma necessaria (esempio: risparmiare mensilmente con un piano di accumulo potrebbe essere la soluzione ideale). Una buona pianificazione potrebbe essere infatti fondamentale per non precludere questa opportunità ai propri figli o per non doversi trovare a fare sacrifici quando sarà il momento. L’Università resta comunque un investimento che vale la pena sostenere. Secondo Almalaurea, infatti, i laureati hanno in media un reddito più alto del 42% in più rispetto coloro che sono sprovvisti di titolo, con percentuali di impiego più alte.
Il costo di studiare fuorisede:
Rette universitarie:
Le rette universitarie variano in base alla città scelta e alla fascia di reddito. Ho selezionato tre città modello per la stima.
La prima è Milano, che è rinomata per i suoi istituti di prestigio, segue Bologna (città universitaria per eccellenza) e infine Pisa, città universitaria più piccola ma sede di centri di eccellenza come la Normale e la Scuola Superiore di Sant’Anna.
Da notare che le spese elencate riguardano gli istituti pubblici e non quelli privati. Se l’ambizione è, ad esempio, la Bocconi dovresti prevedere spese ancora maggiori (si superano i 10.000€ solo di retta annuale).

Il valore delle rette varia in base ai moduli ISEE
A questo costo va aggiunto quello dei libri universitari. In questo caso, la cifra finale varia molto a seconda della facoltà (certe facoltà come medicina richiedono agli studenti di acquistare dei testi anche molto costosi). Al fine del calcolo, si considera la cifra di 400€ tra libri e corredo per ogni anno accademico. Si tratta, rispetto alla maggior parte dei casi, di un’approssimazione per difetto. Tra gli studenti è molto in uso la pratica di risparmiare su questa voce, utilizzando libri non originali. Si tratta. tuttavia di uno stratagemma che sconsiglio fortemente, in quanto viola la legge del copyright.
Vitto e alloggio:
Per quanto riguarda i costi del soggiorno ho considerato il prezzo medio di affitto di una camera singola e di una camera doppia. In seguito, ho moltiplicato il prezzo per 10 mesi l’anno, presumendo che la stanza venga lasciata durante i mesi estivi. Per il vitto ovviamente la spesa diventa discrezionale rispetto alle possibilità e alle abitudini del singolo individuo.
A Milano la spesa per l’alloggio si aggira intorno ai 450 € mensili, a Bologna 350 € e a Pisa 300 €.
Ho considerato una dotazione di 30€ al giorno a Milano e, considerando gli indicatori Istat sul costo della vita per mantenere lo stesso standard, abbiamo considerato 26€ a Bologna e 22 € a Pisa. Ovviamente questi costi si devono intendere come la dotazione per alimentari, attività ricreative, socialità, trasporti, spese una tantum. Ovviamente è possibile vivere in queste città con cifre superiori o inferiori, la stima serve solo per farsi un’idea generale. In media avremo quindi una spesa intorno ai 9000€ annui a Milano, di circa 8000€ annui a Bologna e 6500€ a Pisa.
Sommando le spese di vitto e alloggio risulterà che a Milano dovremo considerare una spesa annua per vitto e alloggio di circa 13.500€, a Bologna di circa 11.500€ e a Pisa di 9.500€.
Se si aggiungono anche le tasse universitarie avremo una stima totale di massima.

costo annuale in base alle fasce di reddito
Il ruolo della pianificazione
Come si è visto nella tabella precedente il costo per vivere un anno da fare un anno studente fuori sede è piuttosto elevato andando da circa 10.000€ fino a oltre 15.000€. Ricorda che il costo va poi moltiplicato per i diversi anni di corso.
Ovviamente la stima non è da intendersi come una previsione infallibile, né come una dotazione minima. C’è la possibilità di fare delle economie e risparmiare su alcune voci. Per esempio non tutti devono prendere una stanza che costi come nella media, si può optare per un alloggio più economico, oppure si può fare economia sulla dotazione giornaliera.
È possibile anche ricevere una borsa di studio, o che lo studente contribuisca alla spesa almeno parzialmente attraverso un lavoro part-time. Il conto finale potrebbe però essere anche più salato rispetto alla previsione.
In ogni caso, se hai dei figli che non si avvicinano ancora al mondo Universitario tieni a mente che la pianificazione potrebbe essere fondamentale per accantonare la somma giusta. Se hai ancora alcuni anni per organizzarti, devi considerare anche l’effetto dell’inflazione. Il costo per sostenersi all’Università da qui a 10 anni andrà sicuramente ad aumentare. Per questo, se non vuoi fare perdere di valore ai tuoi risparmi, è consigliabile che cominci a considerare di farli fruttare tramite un investimento. Se il tuo scopo è avere quanto ti serve per pagare l’Università, sei già un passo avanti nella pianificazione del piano adatto a te: i tempi di investimento sono certi e l’obiettivo è chiaro, questo vuol dire che hai già quasi tutte le informazioni che ti servono.

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *